Canto

 

 

 

 

 

 

 

La paròla di quésta settimana è:

/can-to/

Quésta settimana voglio próporvi una paròla a mé mólto cara. 

Il canto è un’arte, è un mòdo d’esprimersi. E’ un mòdo per creare e tirare fuori il pròprio io interiore. Nessuno è stonato, al massimo possiamo essere diseducati alla musica ma nessuno nasce stonato. 

Purtròppo o per fortuna (io pènso la secónda) il canto tira fuòri la parte primordiàle di nói ma cosi cóme nél teatro, nón tutti sóno in grado di méttersi di frónte alla pròpria quintessènza. 

L’ètimo di canto è veraménte l’espressióne della sua fòrza e della sua bellézza. 

Canto deriva dalla paròla latina [cantum] méntre un’altra interpretazióne vede derivare il vèrbo latino [canere] da quélla sanscrita [can’s-ati] che significa celebràre. [Ca’n-sa] è inno, preghièra. Pertànto cantare è un inno, un inno alla vita potér modulare la pròpria vóce e farla uscire dalla pancia per farla volare libera donandola al móndo. 

Quésto appuntaménto délla rubrica lo dedico alla mia insegnànte di canto Seréna Pénzo che mi ha insegnàto a far volare la mia vóce. 

Bène, io per oggi concludo qui, ringrazio sèmpre tutte le persóne che mi scrivono o mi séguono sui sòcial. 

Ricòrdo che gli accènti non sono méssi a spropòsito per provocare gli amanti della nostra lingua italiana, ma sono un mio giòco téatrale per avvicinare le persóne ad una corrètta pronuncia e di conseguènza al teatro. 

Pubblicato in .

Lascia un commento

Shares