Curiosità

 

 

 

 

 

 

La paròla di quésta settimana è:

/cu-rio-si-tà/

Buongiórno a tutti!

Quésta settimana voglio parlarvi della curiosità.

Curiosità è la vòglia di accréscere il pròprio sapére. Una persóna curiósa è una persóna che vuole saperne di più di un determinato argoménto e si approccia ad ésso con positività e capacità di apprèndere, conoscere ma soprattutto andare al di là del suo naso. 

La persóna curiósa è una persóna intelligènte perché non si ferma alla parte superficiale delle còse ma va al di là di cóme “apparenteménte” appare. 

Il curióso è una persóna che indaga, che scava il sapére. 

Attualménte la persóna curiósa è difficile da trovare perché cercare la verità richiède tèmpo ma soprattutto óra, è più còmodo non fare fatica e basarsi sólo su notizie superficiali, magari neanche verificate. Esattaménte come le fake news che spopolano sui social: fanno còmodo perché la persóna mèdia non s’informa in profondità e non va a verificare la fónte; questo richiede tèmpo. E la società adèsso non ci dà quésto tèmpo ma ci fa vivere alla velocità della luce appunto per consumare affètti, còse, sentiménti, moménti. 

Pertanto il curióso è una persóna rara da trovare, ma se cercate tra la fòlla (sènza fare affollaménto), potrete trovare ancora qualcuno che s’informa sul sèrio, perché ha il desidèrio della verità. 

Curioso deriva dal latino [curiosu-m], e il suo ètimo è colui che si cura di qualche còsa. Pertanto la curiosità è un’attitudine che deve essere separata dal pettegolézzo perché il curióso, scava arrivando alla saggézza e non all’informazione che mólto spésso è superflua.   

Pubblicato in .

Lascia un commento

Shares