Madre/Padre

 

 

 

 

 

La paròla di quésta settimana è:

/ma-dre/

Méntre sto scrivèndo quéste righe sta già avvenèndo il miracólo. 

Méntre sto scrivèndo, a qualche chilométro dal mio teatro, mia sorèlla, sta dando alla luce suo figlio, mio nipóte all’ospedale di Novara.

Mési fa in una puntata délla rubrica scrissi la paròla figlio. Decisi di scriverla dòpo che mia sorèlla si presentò con un regalo per mé. Lo scartai e trovai un tèst di gravidanza positivo. A fine estate sarei diventata zia. E lei madre. Così decisi di parlare della paròla figlio, che ho sèmpre sentito addòsso a tèrzi bambini. Improvvisaménte divenne così familiare perché un figlio cambia l’assètto della famiglia. E da quel figlio per lei, sarebbe nato mio nipóte, per mé.  

Pertanto la paròla di quésta settimana è madre. 

L’etimo di Madre deriva dal sanscrito con la radice ma- intèsa con il significato di preparare, misurare. Successivaménte dal latino [matre], esattaménte simmètrica alla paròla padre [patre], è sostantivo femminile che sta ad indicare la genitrice di figli. 

Il tèrmine [matr] si trasforma in latino in [mater] ovvéro colèi che ordina e prepara. In quésto caso è colèi che prepara il pròprio còrpo pér accogliere, créscere e pòi dare alla luce un’altra persóna. 

E vi assicuro che il còrpo di mia sorèlla pér nòve mési è stato il còrpo più bèllo che una dònna incinta possa avére. 

Per cui, méntre state leggèndo quéste brèvi righe, il mio nipotino sarà già venuto alla luce.  

Pertanto, bèn arrivato Davide e buòna nuòva vita a mamma Giórgia e papà Mario, il padre, paròla strettaménte collegata a pane, in quanto è colui che dà sostentaménto e protezióne alla famiglia prendèndosene cura. 

Bène, io per oggi concludo qui, ringrazio sèmpre tutte le persóne che mi scrivono o mi séguono sui sòcial. 

Ricòrdo che gli accènti non sono méssi a spropòsito per provocare gli amanti della nostra lingua italiana, ma sono un mio giòco téatrale per avvicinare le persóne ad una corrètta pronuncia e di conseguènza al teatro. 

Pubblicato in .

Lascia un commento

Shares