Pensare

La settimana scórsa ho voluto giocare con voi con una paròla leggèra per quanto grave. Un ossimoro direi, giocare con leggerézza con una paròla alquanto grave come [bestemmia].
Oggi vorrei proporvi invéce una paròla più profónda e apparenteménte méno divertènte, ma il sólo fatto che quésta paròla si pènsi venga usata da tutti, fa già ridere. Si perché la paròla di quésta settimana è pensàre. E purtroppo non tutte le persóne pensano prima di parlare. Bisógnerebbe che si assicurino che il cervèllo sia inserito prima di azionare la bócca. Ma non tutti la pènsano come mé. 
Pensare, vóce del vèrbo pensàre, ovvéro possedére e utilizzare precise facoltà mentali, riflèttere o meditare. 
Da sèmpre il pensièro è argoménto indiscusso tra i filosofi dai tèmpi più antichi e il suo ètimo difatti né cela il suo significato: Pensāre, dal latino significa pesare con cura. 
Ècco: con il suo ètimo abbiamo detto tutto. Bisógna pesare le paròle prima di dirle, bisógna pensare alle paròle prima di farle uscire dalla bócca, perché ogni paròla ha un suo péso, (esattaménte come la rubrica “Paròle a Péso”) e una paròla détta in un contèsto sbagliato o con un sentiménto offuscato, può esser fraintèsa. 
“Le paròle sono fónte di malintesi” diceva la Vólpe al Piccolo Principe. Lo sapeva bène Antoine de Saint Exupéry….
 
 
ASCOLTA L’EPISODIO SU 
 
 

Pubblicato in .

Lascia un commento

Shares