DESIDERARE

 

 

 

 

 

 

 

La paròla di òggi è

/de·si·dè·ra.re/

Ho scélto quésta paròla perché la sua origine è una delle più affascinanti che si pòssa scoprire studiando l’etimologia della lingua italiana.
Il vèrbo desidèrare deriva dal latino ed è compósto dal prefisso -de che ha eccezione negativa e dal termine sidus che letteralménte significa stélla, ovvero còrpo splendènte che risplènde di luce pròpria. Da qui l’uso artistico di stélla o star nell’ambito artistico per designare un’attrice che emerge, che brilla da sé. Ma torniamo al vèrbo desidèrare. Dicevo che è compósto da -de e sidus che abbinati e tradotti insième significano mancanza di stélla, ovvéro il significato è avvertire una mancanza di stélle di buoni auspici, successivaménte interpretata nel tèmpo con il significato di una volontà appassionata nella ricerca.
Prima del passaggio al francése, desidèrare deriva dal latino desiderare che significa letteralménte “cessare di contemplare le stélle a scòpo augurale”.
Quindi desidèrio significa mancanza di stélle. Da qui non posso far altro che pènsare ai motivi della nascita di quésta paròla. Nella società desidèriamo sèmpre più al punto di bramare per poi buttare cose, sentiménti, persóne. Tutto quésto deriva perché non sappiamo più accontentarci o perché anche noi non sappiamo più brillare di luce pròpria, esattaménte come la stélla, come il sóle e dobbiamo quindi rincorrere un desidèrio per sentirci brillanti? Magari dobbiamo solo capire cosa ci fa brillare e coraggiosaménte seguirlo, forse così smétteremo di desiderare solo ciò che non si ha.

Ringrazio tutte le persóne che quésta settimana mi hanno scritto e ricòrdo che gli accènti non sono méssi a spropòsito per provocare gli amanti della nostra lingua italiana, ma sono un mio giòco téatrale per avvicinare le persóne ad una corrètta pronuncia e di conseguènza al teatro.
Quindi quanto trovate questo accènto \ sulle vocali e – o, è aperto (tonico) come paròla;
quando trovate quest’altro accènto / sulle vocali e – o, è chiuso (atono) come in perché.

Se volete approfondire la rubrica ecco i riferimenti:
formazioneteatrale.com
IG: attrice_disordinata
IN: Laura Pigozzo
PODCAST: Teatro Libera tutti (Spotify e Itunes)
Scrivete cosa ne pensate su: attricedisordinata@gmail.com